Cartoon Wars, ovvero “I Griffin, Luttazzi e il cinismo #3″

Pubblicato: 2 giugno 2010 in Commento, TV
Tag:, , , , , , , ,
Ora non voglio mettermi a fare quei sondaggi del tipo “sono meglio i Griffin, South Park o i Simpson?”, ma posso dire che il maggior numero di persone fra quelle che apprezzano questi cartoni ritiene che quello di Seth MacFarlane sia il più esilarante (ma non per questo il migliore).
Per la terza volta torno a parlare dell’umorismo dei Griffin, e lo faccio cominciando dalla conclusione dello scorso post sul tema:
Da varie riflessioni mi è spesso balenata l’idea (nemmeno tanto originale, a dir la verità) che semplicemente a Luttazzi i Griffin non facciano ridere, e che probabilmente lo infastidisca che, nonostante questo, siano la serie animata più vista e gradita in Italia. Ma l’equivoco potrebbe nascere dal fatto che mentre Luttazzi fa satira, e la risata è un effetto secondario dovuto alle sue grandi capacità nel farla, nei Griffin è esattamente il contrario: la satira (pur molto presente) è un aspetto secondario del principale scopo, quello di far ridere. E quindi, accanto alla satira sociale, vi è ad esempio un’alta presenza di umorismo demenziale, e dunque di nonsense assoluto, incentrato di frequente nelle scenette paradossali inserite di tanto in tanto (spesso senza un senso logico, appunto) nella serie.
Proprio le “scenette” sono il punto di maggiore critica da parte degli autori di South Park, serie animata satirica dove secondo me vale lo stesso equivoco di Luttazzi.
In Cartoon Wars, un episodio doppio – per altro brillante – di questa serie, si narra del caos provocato negli USA da una puntata dei Griffin in cui viene mostrato Maometto. Tale impertinenza fa imbestialire i fondamentalisti islamici, che minacciano gli Stati Uniti con frasi come “Dico sul serio, i Griffin non sono scritti bene. Le battute sono intercambiabili e sono ininfluenti per la storia. Quando questo cartone andrà in onda, la nostra rappresaglia di massa inizierà!”
Addirittura interviene lo stesso Bin Laden, che  fa notare “Se vedete attentamente i Griffin, vedrete che le battute non derivano dal racconto. E penso sia del tutto gay.”
E ancora, un altro personaggio nel corso dell’episodio ammette “Lo so che è una serie di battute messe a caso. A me però piace; almeno non rompe le palle con inutile prediche e messaggi allarmanti, no?”
In questo modo gli autori di South Park riescono a sminuire le capacità satiriche dei Griffin. Inoltre li parodizzano mostrandoli più volte nel solito salotto, con un personaggio a caso che dice “Ricordo quella volta che…”, prima di dare inizio all’ennesima scenetta (fra le quali c’è quella in cui si vede Maometto). Ma la questione è che i Griffin non fanno ridere solo in quegli inserti, che sono come freddure lanciate ogni tanto all’interno di un monologo comico. E questa considerazione avalla la mia ipotesi che, semplicemente, anche agli autori di South Park i Griffin non fanno ridere, e non sopportano quel tipo d’umorismo. Tale pensiero è testimoniato da uno dei loro personaggi, Eric Cartman, che a un certo punto urla irritato:
Le mie battute sono sempre riferite a un evento particolare, a una situazione precisa e pertinente. Qualsiasi battuta faccio è pensata, non buttata lì a caso. Io non sono come loro!
E il loro disprezzo per l’umorismo dei Griffin è mostrato durante la puntata da altre parodie, in cui si vedono i personaggi del cartone di McFarlane scorreggiare e dire frasi a caso (prive di un minimo codice umoristico). Così se nei Griffin si ride perché il nonsense ha comunque un criterio umoristico, in questa puntata di South Park si ride perché pare che le battute dei Griffin di criteri non ne abbiano affatto. Si passa allo scherno di quelle battute. E da “i Griffin fanno battute di nonsenso” si arriva alla conclusione “i Griffin non fanno ridere”.
Fra l’altro, nell’episodio Cartoon wars, viene mostrato anche Bart Simpson; anche lui dice di odiare i Griffin.
In effetti, a mio parere, l’unico che davvero potrebbe lamentarsi dei Griffin è Matt Groening, visto che la serie di MacFarlane spesso sfiora il plagio dei Simpson: a cominciare dalle caratteristiche dei personaggi e dal tipo di intrecci narrativi, che spesso ricordano quelli collaudati da Groening, per finire a vere e proprie battute plagiate. Proprio per questo, fra le due serie animate è nata la reale Cartoon War, all’insegna di battutine satiriche che offendano la serie rivale. Su questo fronte è molto più efficace la satira dei Simpson, che spesso all’interno della serie accusa i Griffin di plagio, e American Dad di plagio del plagio.
In una puntata, poi, (La Paura fa Novanta XIII) Homer Simpson si trova ad avere a che fare con innumerevoli suoi cloni. Uno di questi, però, ha chiaramente le fattezze di Peter Griffin.
Annunci
commenti
  1. […] una fiduciosa stima per il cartoon di Stone e Parker, nonostante alcune divergenze di pensiero (scrissi già di cosa pensavano i due della serie I […]

  2. asc14 ha detto:

    quasi sempre concordo con gli autori di south park, tra l’altro li ritengo i migliori autori tv del decennio (ovvio che quello prima è TUTTO per i simpson). anche in questo caso sono d’accordo con loro, e anche con quanto letto nell articolo. ma l’episodio nasce, oltre che dalla critica alla censura, al fatto che la serie south park è stata spessa messa a paragone con i griffin, e gli autori se ne sono stancati (e vorrei vedere!). e visto che seth mcflaren,seppur non creando gli episodi come i lamantini di “Cartoon Wars”, ci va molto vicino, io credo che qll detto nell episodio sia appropriatissimo,cioè chi vuole ridere con i griffin lo faccia pure, basta che non venga paragonato a programmi di ben altra qualità!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...