Repubblica Tv e i trent’anni del biscione

Pubblicato: 2 ottobre 2010 in eventi, politica, TV
Tag:, , , , , , , ,

La storia è semplice e la si conosce.
Berlusconi fonda una televisione innovativa e commerciale in modo illegale, acquistando una serie di televisioni locali in tutta la nazione e facendo partire gli stessi programmi negli stessi orari in tutta Italia, realizzando una finta televisione nazionale.
Con l’aiuto dell’amico Craxi c’è l’avvenuta legalizzazione delle tre reti di Berlusconi: è la legge Mammì, che la consulta dichiarerà anticostituzionale. Ma inizia tangentopoli e Berlusconi perde l’appoggio della politica. Scende in campo.
Più tardi arriverà la legge Maccanico (anch’essa ritenuta incostituzionale), e infine la Gasparri, che fra l’altro concederà al Premier di non inviare Rete4 sul satellite.

Ma detta così, effettivamente, risulta troppo sintetica.
Ci ha pensato La Repubblica, che ha voluto in questo modo festeggiare i trent’anni di Canale 5.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...